Convegno Lilt “Il paziente al centro della cura contro il cancro: Fattori di rischio, alimentazione e terapie innovative”

Share Button

Nelle cinque sessioni dei lavori si è discusso della dieta come fattore di riduzione del rischio di contrarre il cancro, ma anche come programma terapeutico del paziente oncologico in grado di migliorare la qualità della vita e la risposta ai trattamenti

congresso_16_05_2016_aSi è svolto a Catania il 16 e 17 magio 2016, nella Sala del Consiglio della Camera di Commercio, il convegno della Lilt dal titolo “Il paziente al centro della cura contro il cancro: Fattori di rischio, alimentazione e terapie innovative”, che ha messo al centro del dibattito l’alimentazione come fattore essenziale nella prevenzione dei tumori e come elemento decisivo nella cura del cancro. Coordinatori scientifici del convegno sono stati il professore Massimo Libra (Docente di Patologia Generale – Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche dell’Università di Catania) e la dottoressa Aurora Scalisi (Uoc Patologie Oncologiche dell’Asp di Catania).

Nelle cinque sessioni previste dai lavori, qualificati medici e ricercatori di strutture di eccellenza italiane ed estere hanno discusso, sulla base di diversi studi scientifici, della dieta – soprattutto della dieta mediterranea – come fattore di riduzione del rischio, ma anche come programma terapeutico del paziente oncologico in grado di migliorare la qualità della vita e la risposta ai trattamenti; proprio in questo contesto è stato presentato il nuovo trials clinico DEDiCa che consisterà nel trattare donne operate per cancro al seno con dieta mediterranea, vitamina D ed esercizio fisico in concomitanza con le terapie standard. Nel corso del convegno è stato conferito al dottor Saverio Candido, autore di uno studio sul ruolo di nuovi marcatori di aggressività nel cancro della vescica, il prestigioso premio “Margaret Foti”, istituito nel 2010 e intitolato alla Chief Executive Officier dell’Associazione Americana per la Ricerca sul Cancro, di origini catanesi.
Momento di discussione e confronto hanno costituito le tre tavole rotonde dove sono stati approfonditi altri aspetti come le attività di ricerca in oncologia oggi, la qualità di vita del paziente oncologico e l’attività di volontariato svolte dalle delegazioni provinciali della Lilt in Sicilia.

sicilia_14_05_2016001