Eventi

Catania. LILT For Women Campagna Nastro Rosa 2018

Share Button

Visite, dibattiti e “La Scacciata per scacciare il cancro” nell’Ottobre Rosa Lilt

Anche la provincia di Catania ha risposto “presente” all’iniziativa nazionale “LILT For Women Campagna Nastro Rosa 2018”, allestita su tutto il territorio nazionale per il 26° anno, sotto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero della Salute, che si rivolge all’universo femminile proponendo a tutte le donne la prevenzione del cancro al seno mediante le visite senologiche e la diagnosi precoce.
Testimonial nazionali dell’edizione 2018 sono state le conduttrici televisive Federica Panicucci e Filippa Lagerback. Slogan scelto “La prevenzione non è un accessorio. Vivi il rosa proteggi la tua Vita”, hasthag #vivilrosa, mentre il nastrino rosa è diventato sia simbolo da indossare, sia testimonianza del valore della prevenzione.

In provincia di Catania nel mese di ottobre si sono svolti dibattiti, anche con il coinvolgimento dell’associazionismo, e – a Belpasso – l’iniziativa di raccolta fondi pro Lilt “La Scacciata per scacciare il cancro”. Alla campagna 2018 in provincia di Catania hanno aderito circa duecento donne che hanno prenotato ed eseguito la visita senologica effettuata dai medici LILT presso gli ambulatori dell’associazione, presso la Breast Unit dell’Azienda Ospedaliera“Cannizzaro” e presso il centro X-Ray Catania.
A Belpasso, nell’ambito della manifestazione “La Scacciata per scacciare il cancro” la Lilt ha raccolto oltre tremila euro a sostegno delle iniziative della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

GALLERIA FOTOGRAFICA

LILT For Women Campagna Nastro Rosa 2018

Immagine 1 di 15

La dottoressa Aurora Scalisi

In migliaia hanno affollato il “Giardino Martoglio” per gustare una fetta di scacciata siciliana donata da panificatori e pasticcieri belpassesi, ma anche dei comuni vicini, o di zuppa di ceci preparata dal Moica (Movimento Italiano Casalinghe), e contribuire alla raccolta di fondi pro attività Lilt che, negli ultimi anni, grazie proprio alla “scacciata”, ha permesso di acquistare un dermatoscopio di ultima generazione, utile alla diagnosi precoce del melanoma.
Una serata in cui si è parlato anche e soprattutto di prevenzione con il Direttore Uoc di Oncologia Medica dell’Ospedale “Garibaldi”, dott. Roberto Bordonaro e con il Biotecnologo medico Luca Falzone, (Laboratorio di oncologia traslazionale, Dipartimento Biometec dell’Università di Catania).

Clicca per ingrandire

Spazio anche allo spettacolo con i “Pink Style”, tribute band dei Pink Floyd, che hanno ottimamente interpretato i classici di Waters Gilmour & Co. affiancati su “Another Brick in the Wall” dal Coro interscolastico “Vincenzo Bellini” diretto da Daniela Giambra, e l’atteso intervento di Enrico Guarneri il quale, prima di divertire il pubblico con le sue gag, ha lanciato un vero e proprio appello in favore della prevenzione.
Il giorno precedente, presso la Sala consiliare del Comune di Belpasso, si è svolta la conferenza “Lotta contro i tumori, prevenzione e diagnosi precoce”, promossa dalla Lilt e dalla Fidapa belpassese. Sono intervenuti il prof. Massimo Libra (docente di Patologia generale presso l’Università degli Studi di Catania); la dott.ssa Aurora Scalisi (Direttore Uoc “Diagnostica oncologica” Asp Catania); Gino Asero (Lilt Belpasso); Lucia Mio, (Presidente Fidapa Belpasso). Ha moderato il dott. Santo Pulvirenti.

Percorso azzurro 2018

Share Button

Catania, Percorso Azzurro 2018

Immagine 1 di 13

Visite di prevenzione nel laboratorio Lilt

Visite di controllo in due giornate a Catania ed Acireale e monumenti colorati d’azzurro per “far luce” sui tumori maschili

Clicca per ingrandire

Si è svolta anche in provincia di Catania, su iniziativa della Lilt etnea, la prima edizione della Campagna di prevenzione e diagnosi precoce dei tumori maschili denominata “Percorso Azzurro” indetta dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. La giornata scelta era quella del 14 giugno, ma in provincia di Catania le iniziative si sono protratte per diversi giorni. Al centro della campagna la salute della sfera genitale maschile, informazione e prevenzione, argomento che gli uomini hanno potuto approfondire mediante un opuscolo informativo, distribuito dalla Lilt, intitolato “Proteggiti dai colpi bassi” sulla prevenzione dei tumori dell’apparato genitale.
Al centro della campagna il cancro alla prostata (sesta causa di morte per gli uomini in tutto il mondo e in Italia primo tumore per incidenza dopo i 50 anni) ed altri meno conosciuti, ma non meno insidiosi, come i tumori al testicolo (12% negli uomini fino ai 49 anni) e al pene, raro, ma presente.

Tramite il numero verde Sos Lilt 800.99.88.77 è stato possibile prenotare le visite di controllo che si sono svolte in due giornate presso l’ambulatorio della Lilt etnea all’ospedale “Garibaldi” di Nesima e, sempre in due giornate, presso l’Urologia dell’Ospedale di Acireale “Santa Venera e Santa Marta”.
In provincia di Catania, per sensibilizzare tutti gli uomini sul rischio legato ai tumori della sfera genitale e rinnovare il valore della prevenzione, sono stati illuminati d’azzurro alcuni monumenti a Belpasso (la fontana del “Giardino Martoglio” e la statua in pietra lavica della patrona Santa Lucia) e ad Acireale (il Palazzo municipale). A Paternò i volontari della Lilt sono stati presenti, con uno stand, nell’ambito dell’iniziativa pubblica intitolata “La prevenzione prima di tutto”.

 

Clicca per ingrandire

Dai un Calcio al Linfoma 2018 Lilt

Share Button

Dai un calcio al Linfoma 2018

Per la quinta volta si sono sfidati in un campo di calcio medici e pazienti che tutti i giorni “giocano” nella stessa squadra contro il linfoma

Un bel calcione al linfoma, è quel che da cinque anni pazienti, ex pazienti e medici continuano a dare a questa forma di neoplasia, e più in generale a tutte le forme tumorali, grazie alla gara “messa in campo” dalla Lilt etnea fra “Gladiatori” e “Sanitari” che sabato scorso 26 maggio ha celebrato l’edizione 2018 sul terreno de “La Meridiana sport” di Catania. L’iniziativa rientra nell’ambito della cosiddetta prevenzione terziaria promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, ovvero il sostegno a chi ha superato la malattia nella riabilitazione e nel reinserimento lavorativo.
“Dai un Calcio al linfoma” è stato allestito sotto il patrocinio della Regione Siciliana assessorato della Salute e dell’Azienda ospedaliera “Garibaldi” di Catania, e in collaborazione con l’Associazione “Aetna” (Amici EmaTologia NesimA), l’Aia (Associazione Italiana Arbitri), Radio Cuore, Messaggerie Bacco Catania di pallavolo, Istituto “Aram” e Soccer village.

Ha condotto l’evento la giornalista Federica Zammataro a cui a ha fatto da spalla Giacomo Giurato. L’animazione è stata curata dalle volontarie della Lilt, mentre parrucchiere ed estetiste dell’Aram hanno intrattenuto il pubblico femminile curando trucco e parrucco.
A dare il primo calcio sono state due squadre di giovanissimi “Guerrieri Ibiscus” (Giorgia Summa, Giovanna Gallo, Giovanna Grasso, Pietro Virdis, Stefano Virdis, Sinone Gulli, Andrea Romano, Lorenzo Niceta, Antonio Grasso) e “Sanitari figli” (Andrea Consoli, Luce Schillaci, Matteo Formiconi, Manuel Contarino, Alessio Ferlito, Alessandro Costanzo, Carmelo Calì, Andrea Schillaci Cristian Giuffrida).
Poi il calcio d’inizio vero e proprio che è stato simbolicamente battuto dal sindaco di Catania Enzo Bianco. Agli ordini dei direttori di gara, messi a disposizione dell’Associazione Italiana Arbitri, sezione di Catania, Paolo Arculeo e Andrea Pinto, sono scesi in campo i “Gladiatori” (Vito Cataldo, Dino Apa, Claudio Musumeci, Michael Leotta, Andrea Amore, Sebi Liuzzo, Stefania Tommasi, Francesco Giuffrida, Andrea Salmeri, Daniele Mazzapica, Davide Faia), diretti dalla panchina dall’ex tecnico del Catania Pino Rigoli, e i “Sanitari” (Ugo Consoli, Luca Lo Nigro, Vittorio Del Fabro, Fabrizio Lo Presti, Francesco Di Raimondo, Ciccio Costanzo, Fabrizio Puglisi, Francesco Consoli, Giuseppe Petronio, Edoardo Castello) affidati a un allenatore leggendario, Angelo Busetta.

Alla fine i “Sanitari” hanno avuto la meglio per 3-1, spostando a proprio favore lo storico delle statistiche di “Dai un Calcio al linfoma”. Ultima gara disputata quella fra una mista “Gladiatori-Sanitari” e gli atleti della “Messaggerie Bacco Catania” (Roberto Arena, Andrea Torre, Matteo Minnelli, Simone Grasso, Nicolas Toselli, Francesco Pricoco) che il prossimo anno continueranno a disputare la A2 di pallavolo. La partita si è chiusa ai rigori con il successo dei pallavolisti.
Prima della conclusione la Lilt ha premiato i protagonisti consegnando i diplomi di partecipazione con un “grazie” a quanti hanno collaborato in questa edizione numero 5 di “Dai un Calcio al linfoma”.

Clicca per ingrandire

 

Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2018

Share Button

 

Settimana Nazionale di Prevenzione Oncologica 2018

Volontari etnei attivi dal 17 al 25 marzo con diverse iniziative

Clicca per ingrandire

Si è svolta dal 17 al 25 marzo in tutta Italia la XVII Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. Anche la Lilt di Catania, come ogni anno, ha allestito diversi eventi: banchetti a Belpasso e nel capoluogo e le visite di prevenzione oncologica. A Belpasso domenica 11 marzo i volontari Lilt sono stati presenti con tre gazebo nelle piazze Sant’Antonio, Duomo e Stella Aragona. Giornata conclusiva domenica 25 marzo a Catania in piazza Giovanni Verga e presso il Nuovo mercato coperto “La Nuova Dogana” del Porto.
Quanti si sono associati alla Lilt hanno ricevuto in omaggio una bottiglia di olio extravergine di oliva, il cui ricavato andrà a sostegno delle attività dell’associazione. La scelta è ricaduta, ormai da anni, sull’olio extra vergine di oliva 100% italiano – elemento centrale della dieta mediterranea – che, grazie alle sue indiscusse qualità organolettiche, è un alleato della salute anche contro il cancro.

Come è stato illustrato in occasione della presentazione ufficiale della XVII “Snpo” della Lilt nazionale, avvenuta a Roma, il 35% dei tumori dipende da una errata alimentazione. Per quest’anno è stato coniato l’hashtag #giocadanticipo, promozionato dalla “Squadra della Prevenzione” Lilt, formata da cinque campioni: il giudice di Masterchef, nonché ristoratore, Joe Bastianich; la food blogger Chiara Maci; l’oste e cuoco siciliano Filippo La Mantia; l’attore Paolo Ruffini; la “donna più profonda al mondo”, l’apneista Alessia Zecchini che detiene il record mondiale di apnea in assetto costante con 104 metri di profondità. Anche il campionato di calcio di Serie A ha supportato la campagna Lilt con l’esposizione di uno striscione al centro del campo all’inizio delle gare.

Clicca per ingrandire

 

Un tuffo nella prevenzione 2018

Share Button

Lezione di acquafitness di Doris Occhipinti per promozionare il valore della prevenzione

Si è svolta sabato 14 aprile presso “La Meridiana sport” di Catania l’edizione 2018 di “Un tuffo nella prevenzione”, l’iniziativa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori che promoziona i valori dell’attività sportiva regolare e della corretta alimentazione nella prevenzione del cancro. A tenere una lezione di acquafitness è stata l’insegnante di nuoto Doris Occhipinti.

Al termine del “tuffo”, e prima di gustare un ricco spuntino a base di pane condito con olio extravergine di oliva – principe della dieta mediterranea ed elemento dalle straordinarie proprietà antitumorali – e frutta fresca, le atlete sono state brevemente intrattenute dalla vicepresidente della Lilt di Catania, dottoressa Aurora Scalisi, che ha lanciato un forte messaggio a tutela della salute, in particolar modo ai giovani: «Tutti gli istituti scientifici concordano sul fatto che l’unica arma per vincere il cancro sia la prevenzione e lancio un appello alla popolazione giovanile affinché si convinca ad abbracciare uno stile di vita improntato sulla salute e sulla corretta alimentazione».

Un tuffo nella prevenzione 2018

Immagine 1 di 12

Un tuffo nella prevenzione 2018

Campagna Nastro Rosa 2017

Share Button

Campagna Nastro Rosa LILT for Women 2017

Immagine 1 di 15

Villaggio della salute

In provincia di Catania, la Lilt protagonista di diverse iniziative per ricordare l’importanza della prevenzione nella lotta al cancro al seno

Si è rinnovato anche per l’ottobre 2017, in provincia di Catania, l’appuntamento con la campagna nazionale “Lilt for Women – Campagna Nastro Rosa 2017” della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare le donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce del tumore al seno. Volto dell’edizione numero 25 della campagna è la conduttrice Ilary Blasi, mentre l’hashtag scelto è #METTILOKO.
A Catania, come ogni anno, la Lilt ha proposto le visite senologiche gratuite per tutte le donne. Nell’ambito dell’iniziativa, nell’intera giornata di domenica 8 ottobre si è svolta a Belpasso, all’interno del Giardino “Martoglio”, la sesta edizione dell’iniziativa “A Scacciata per scacciare il cancro”, curata della locale delegazione Lilt con il patrocinio del Comune di Belpasso, che si è posta l’obiettivo della raccolta di fondi a favore delle attività della Lilt.

Clicca per ingrandire

Nell’ambito della manifestazione il Mercatino di hobbistica ed il “Villaggio della salute” nel quale i medici volontari hanno assicurato controlli gratuiti e fornito consigli sulla prevenzione primaria, anche in forma divertente, con il contributo del Sism, Segretariato italiano studenti di medicina. Realizzate con i palloncini le mammelle finte per spiegare in maniera giocosa alle donne l’autopalpazione e favorire, così, la diagnosi precoce del cancro al seno.
In serata, con un piccolo contributo, il pubblico intervenuto ha potuto degustare la scacciata siciliana e, in collaborazione con l’associazione Mo.I.Ca, anche un piatto di ceci. Nello spettacolo, presentato da Anna Giarratana, si sono esibiti i gruppi musicali “Deep South”, Fabio Abate, “Cut Lish”, ed il cabarettista Carlo Kaneba in coppia con Antonella Cirrone.

Acireale ha partecipato alla “Campagna Nastro Rosa Lilt for Women 2017”, con un monumento illuminato di rosa, il colore della prevenzione del tumore al seno. Il Comune acese ha infatti raccolto l’appello della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Catania e provincia ed ha acceso i riflettori sul balcone principale del Palazzo municipale, perla tardo barocca del patrimonio monumentale siciliano. Il piano nobile del comune, dall’imbrunire in poi, con le sue tonalità rosa ha ricordato alle donne, ma non solo a loro, il valore della prevenzione nella lotta contro i tumori e, in particolare per “Lilt for women”, del tumore al seno.

 

Clicca per ingrandire

 

 

 

 

 

 

 

Dai un calcio al linfoma 2017

Share Button

Gladiatori e Sanitari di fronte per la quarta volta su un campo di calcio

Quarta edizione, quella del 2017, per “Dai un calcio al linfoma” la partita fra Gladiatori e Sanitari, ovvero le rappresentative di pazienti ed ex pazienti siciliani di oncoematologia ed i medici di tutte le strutture ospedaliere catanesi. Una sfida, disputata sul terreno della Città dello Sport di Catania, allestita dalla Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) etnea, in collaborazione con l’Azienda  ospedaliera “Garibaldi” di Catania, l’Associazione “Aetna” (Amici EmaTologia NesimA), l’Aia (dell’Associazione Italiana Arbitri) e con il contributo del Centro commerciale Etnapolis.
La gara, alla fine, si conclude sul 5 a 5, in questo cammino di assoluta parità dalla prima edizione in poi: un pareggio e una vittoria ciascuno per le due compagini. Ma la vera sfida rimane quella che Gladiatori e Sanitari conducono giorno dopo giorno, insieme, contro il cancro.

Clicca per ingrandire

L’evento, nell’ambito dell’attività della Lilt, rientra nella prevenzione terziaria che riguarda la riabilitazione fisica e psichica e il reinserimento sociale del malato oncologico. Presente sugli spalti la scuola per parrucchieri “Aram” che ha offerto  trucco e acconciature alle donne e tatuaggi lavabili ai bambini.
Testimonial sin dalla prima edizione l’attore catanese Gino Astorina che ha dichiarato: «Per me è un onore essere qui all’interno di questa nobile iniziativa. È un piacere ritrovare medici e pazienti e sapere che qualcuno oggi non è presente perché, guarito e uscito dal percorso medico, è impegnato in altro in quanto ha ritrovato la sua vita oltre la malattia».
Ha aperto l’evento, presentato da Giacomo Giurato, una gara fra due squadre di giovanissimi calciatori, premiati alla fine con una gustosa merenda di pane e Nutella. Spalti pieni e tanto entusiasmo con il pubblico trascinato dalle volontarie Lilt nelle vesti di cheerleader.

Poi la gara vera e propria, diretta dagli arbitri federali Pierpaolo Longo e Salvatore Scilletta, della sezione Aia di Catania, nella quale i calciatori hanno messo tanto cuore. Un gol dietro l’altro, applausi e simpatiche canzonature. Poi il triplice fischio sul 5 a 5.
A capitanare la formazione dei Gladiatori Vito Cataldo: «Questa partita è stata allestita per il piacere di stare insieme medici e pazienti oltre l’ospedale, oltre il luogo di cura». La fascia di capitano dei Sanitari l’ha indossata il direttore dell’oncoematologia del “Garibaldi” di Nesima, dott. Ugo Consoli: «Come medici siamo chiamati a far sentire ai nostri pazienti e alle loro famiglie che noi ci siamo sempre, anche fuori dall’ospedale. Siamo anche disposti a farci prendere a pallonate e a seguirli in tutte le iniziative».

GALLERIA FOTOGRAFICA

Dai un calcio al linfoma 2017

Immagine 1 di 30

Dai un calcio al linfoma 2017

«È una giornata che  vuol dare un po’ di gioia e di speranza a chi è affetto da una patologia che oggi ha molte possibilità di guarigione – il commento del Presidente della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Catania, dott. Carlo Romano –. La Lilt è un ente pubblico di rilevanza nazionale volto alla prevenzione, ma anche al sostegno al malato nel percorso medico e “Dai un calcio al linfoma” si inserisce in questo ambito».
Presente anche il deputato regionale Concetta Raia, che è consigliere Lilt: «In questa giornata così bella siamo qui a testimoniare il nostro affetto e la nostra amicizia nei confronti di chi lotta la malattia. Ritengo che il diritto alla salute debba essere una priorità e per questo siamo chiamati a difendere le eccellenze della nostra sanità».
Hanno portato un saluto ai calciatori l’ex assessore al welfare del Comune di Catania Angelo Villari, il Consigliere comunale belpassese Moreno Pecorino e l’assessore belpassese Graziella Manitta.

Clicca per aprire

Clicca per aprire

Clicca per aprire

Corso per volontari Lilt 2017

Share Button

Corso formazione volontari Lilt

Il Presidente Carlo Romano: «La Lilt è l’unica associazione che si fonda e si sostiene attraverso i soci ed i volontari che diventano una parte attiva e consistente»

Si è svolto sabato 6 maggio 2017, presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche, Torre Biologica “Ferdinando Latteri” dell’Università degli Studi di Catania, il corso di formazione della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori rivolto ai volontari dell’associazione. Presenti coloro che hanno “abbracciato” la Lilt negli ultimi mesi, per i quali è si è trattato di un primo approccio d’aula con la materia oncologica e con tutto ciò che ruota attorno ad essa, e i volontari attivi da tempo per i quali l’incontro è stato un momento di aggiornamento.

Ha dato il benvenuto il Presidente della Lilt di Catania Carlo Romano, il quale ha sottolineato il valore del volontariato, in particolare nell’ambito della malattia tumorale. Gli aspetti bioetici in oncologia sono stati al centro dell’intervento di Padre Antonino Sapuppo, mentre il professore Massimo Libra ha parlato dei fattori di rischio e  dello sviluppo dei tumori. Gli aspetti legati alla prevenzione primaria, che riguarda gli stili e le abitudini di vita, sono stati al centro dell’intervento del chirurgo Francesco Pisani. In seguito, il ginecologo Aurora Scalisi, vicepresidente della Lilt, è intervenuto sulla prevenzione secondaria e sugli screening oncologici. L’attività della Lilt sul territorio è stato l’argomento della relazione di Gino Asero (coordinatore delle delegazioni della provincia), mentre la psicologa Grazia Maria Villari ha parlato dell’impatto psicologico a seguito di diagnosi di tumore. Infine, il responsabile del volontariato per la Lilt di Catania, Claudia Doria, ha illustrato l’attività dei volontari nei reparti oncologici.

Clicca sull’articolo per ingrandirlo

«La Lilt è l’unica associazione che si fonda e si sostiene attraverso i soci ed i volontari che diventano una parte attiva e consistente – dichiara il Presidente della Lilt di Catania, dottor Carlo Romano  –. Il volontariato è essenziale e necessario perché trattiamo l’utente che ha bisogno non soltanto di teoria, ma anche di pratica e di assistenza, in particolare i malati terminali. Come Lilt di Catania abbiamo un numero consistente di volontari che abbiamo il dovere di formare e, aggiungo, sono gli stessi volontari che lo richiedono, trasmettendo conoscenze utili e necessarie per l’attività che svolgeranno, atto doveroso nei confronti della società».

«Partendo dal presupposto che il volontariato è un’azione complessa non legata solo alla buona volontà, ma anche alla conoscenza di percorsi e procedure che vengono utilizzati in sanità – aggiunge la vicepresidente dottoressa Aurora Scalisi –  cerchiamo di trasmettere ai volontari una preparazione di base sugli screening di prevenzione oncologica, sul supporto ai pazienti oncologici, sull’attività in hospice, sulle attività ricreative, per dare una preparazione utile all’opera che andranno a svolgere. La Lilt promuoverà incontri frequenti per i volontari che, vista anche la partecipazione attenta e attiva, possano essere non soltanto formazione, ma anche scambio culturale fra pari».

Claudia Doria, responsabile del volontariato, illustra come si diventa volontario della Lilt: «Tutti possono diventare volontari in ogni momento dell’anno, contattandoci tramite telefono, sito internet o social. L’aspirante avrà un primo colloquio con la nostra psicoterapeuta e, in seguito, verrà accompagnato da volontari già esperti. Poi, alla prima occasione utile, seguirà il corso di formazione come quello di oggi che verrà proposto dall’associazione».

Catania, Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2017

Share Button

Dieci giorni fitti di eventi in provincia di Catania insieme alla Lilt etnea

Sono stati i “Fuoriclasse della prevenzione”, i protagonisti della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2017, promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, giunta alla sedicesima edizione, svoltasi in tutta Italia dal 18 al 26 marzo. La campagna, istituita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2005, ha lo scopo di diffondere la cultura della prevenzione oncologica sensibilizzando la popolazione in generale – ed in particolare le giovani generazioni – sull’importanza dei corretti stili di vita, a cominciare dalla sana alimentazione.

GALLERIA FOTOGRAFICA; CLICCA SU AVANTI PER VISUALIZZARE LE 20 IMMAGINI

Belpasso, piazza Stella Aragona

Come detto, sono stati i “fuoriclasse” a prestare il proprio volto per questo consueto appuntamento della Lilt: un medico, simbolo della ricerca; il calciatore e capitano dell’Associazione Sportiva Roma ed ex Nazionale italiana Francesco Totti, lo chef Massimo Bottura, proprietario del ristorante Osteria Francescana di Modena, premiato con tre stelle Michelin e classificatosi primo ristorante al mondo nella lista “The World’s 50 Best Restaurants Awards 2016” di New York. Entrambi, con generosa disponibilità, hanno offerto gratuitamente la loro immagine e la loro opera per rendere sempre più incisivo questo messaggio di benessere psico-fisico.

Clicca sulla locandina per aprirla

La Lilt sostiene il valore della sana e corretta alimentazione, soprattutto di quella mediterranea, costituita da una dieta ricca di frutta fresca, di verdura e povera di grassi, che ha proprietà altamente nutritive e salutari. In tal senso il simbolo della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica è l’olio extra vergine di oliva 100% italiano, “l’oro verde”, scelto per le sue “preziose” qualità protettive nei confronti dei vari tipi di tumore e per le accertate caratteristiche nutrizionali ed organolettiche. Nelle principali piazze italiane migliaia di volontari hanno offerto ai cittadini un opuscolo informativo, volto a divulgare le tematiche della prevenzione nel quotidiano ed aggiornato in base alle recenti evidenze scientifiche con il significativo contributo del Comitato Scientifico Nazionale Lilt.

In provincia di Catania, la Lilt ha allestito diverse iniziative. La mattina di domenica 19 marzo i volontari si sono ritrovati a Belpasso, in piazza Stella Aragona, e ad Acireale, in piazza Duomo, per offrire l’olio extra vergine d’oliva e distribuire l’opuscolo 2017. Mercoledì 22 marzo, presso il Liceo “Ettore Majorana” di San Giovanni la Punta, si è svolta una conferenza sui temi della prevenzione. La dirigente scolastica, professoressa Carmela Maccarrone, ha sottolineato il doppio significato dell’incontro: intanto il messaggio rivolto agli studenti finalizzato a sensibilizzare sui corretti stili di vita, vero baluardo della prevenzione; e la valenza che l’incontro ha assunto, dinanzi ad una platea di studenti dello scientifico, potenzialmente medici del domani. Sono intervenuti a parlare di medicina e prevenzione il professore  Massimo Libra, oncologo e docente di Patologia generale, nonché consigliere della Lilt di Catania, ed il medico-chirurgo dott. Francesco Pisani, sempre della Lilt.

Sabato 25 marzo, presso la “Città dello sport” di Catania, si è svolta una lezione di acquafitness tenuta dall’insegnante Doris Occhipinti. Prima del tuffo in piscina, si sono brevemente intrattenuti con le sportive presenti l’agronomo Salvatore Fallica, che ha parlato delle qualità organolettiche dell’arancia rossa di Paternò, ed il medico volontario Maria Elena Scalisi, biologa, che ha spiegato l’importanza dell’alimentazione e dello sport nella prevenzione oncologica. E Doris Occhipinti, prima di iniziare la lezione, ha parlato dei benefici che derivano dalla pratica sportiva in acqua dove il corpo si ritrova in uno stato di gravità ridotta.

La conclusione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica 2017, a Catania, è avvenuta domenica 26 in piazza “Giovanni Verga”, con uno stand allestito all’interno del mercatino “Campagna amica”. I volontari dell’associazione hanno distribuito l’opuscolo “Fuoriclasse della prevenzione”, nel quale sono contenuti i consigli per uno stile di vita corretto e per un’alimentazione sana e naturale, veri argini contro l’insorgenza di tumori. A chi si è associato o ha rinnovato l’adesione alle Lilt, è stata consegnata una bottiglia di olio extra vergine di oliva, elemento dalle elevate qualità protettive nei confronti dei vari tipi di cancro ed alimento “principe” della dieta mediterranea, iscritta nel 2010 dall’Unesco nella Lista dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità.

LA DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE LILT CATANIA DOTT. CARLO ROMANO

«Come ogni anno la prima domenica di primavera è dedicata alla prevenzione delle malattie oncologiche, settore nel quale la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori  si spende da circa un secolo – dichiara il Presidente provinciale dell’associazione, Carlo Romano –. La nostra presenza vuol ricordare ai nostri concittadini che questa è l’arma migliore contro le patologie oncologiche e, proprio grazie ad essa, molte vite si riescono a salvare ed il numero potrebbe crescere ancor di più se tutti si sottoponessero alle visite mediche periodiche. La Lilt, in tutta Italia, ha centinaia di ambulatori, fra cui quello di Catania ospitato al “Garibaldi” di Nesima, a disposizione dei cittadini proprio per i controlli medici. Insieme a questa attività portiamo avanti la prevenzione primaria, attraverso le campagne informative, nelle scuole e in altre sedi. I risultati sono molto positivi e confidiamo nel fatto che la popolazione comprenda il nostro messaggio e aderisca sempre di più alle nostre iniziative».

Nel pomeriggio, il sipario sull’evento della Lilt è definitivamente sceso con il flash mob della prevenzione proposto dal gruppo di animazione “Yvii Party” all’interno della galleria del centro commerciale “Etnapolis” sulle note di “Occidentali’s karma”. Alla fine dell’esibizione le brave ballerine hanno sventolato le bandiere con la scritta “Se arrivo prima non mi batte nessuno”, chiaro invito a far della prevenzione uno stile di vita.

FLASH MOB DELLA PREVENZIONE

Campagna Nastro Rosa 2016

Share Button

 

Visite senologiche gratuite e “A Scacciata per scacciare il cancro” nel mese della prevenzione del tumore al seno

Si è svolta anche in provincia di Catania, come nel resto del territorio nazionale, nell’intero mese di ottobre, l’edizione 2016 della campagna “Lilt for Women – Nastro Rosa 2016” della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, giunta alla 24° edizione, che ha come obiettivo la sensibilizzazione di un numero sempre maggiore di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori al seno. Come ogni anno è stato possibile eseguire le visite senologiche gratuite. A Belpasso, curata della locale delegazione Lilt e sotto il patrocinio del Comune di Belpasso e dall’Assessorato regionale della Salute, si è svolta domenica 2 ottobre (presso il Giardino Martoglio) la quinta edizione dell’iniziativa “A Scacciata per scacciare il cancro”, che si è posta gli obiettivi di sensibilizzare sulla prevenzione e di raccogliere fondi a favore dell’attività della Lilt.

Sin dal mattino la villa comunale si è animata di frequentatori del mercatino di hobbistica e del Villaggio della Salute, nel quale sono stati eseguiti controlli medici gratuiti e sono stati elargiti consigli sui corretti stili di vita e sulla prevenzione dei tumori della sfera femminile e maschile. In tanti si sono accostati ai medici ed ai volontari presenti, chiedendo consigli ed informazioni. Distribuiti anche un opuscolo informativo riservato alle donne (aggiornato in base alle recenti evidenze scientifiche) ed i “nastrini rosa” simbolo della prevenzione.
In serata la degustazione della scacciata (offerte da panificatori e bar di Belpasso e di altri comuni) e della zuppa di ceci (in collaborazione con il Movimento Italiano Casalinghe).

Scacciata per scacciare il cancro 2016 a Belpasso

Immagine 1 di 12

Leakers

Il ricavato della manifestazione va a finanziare l’attività della Lilt di Catania. In serata spazio alla musica ed agli appelli in favore della prevenzione. A suon di musica hanno intrattenuto il pubblico i travolgenti Leakers, che hanno proposto un ottimo rock con venature blues; gli Stricanacchio, autori di diversi brani della tradizione musicale siciliana; ed i graffianti Brigantini, che hanno divertito, anche dialogando con il pubblico, rivisitando Brigan Tony. Nel corso della serata anche l’esibizione di danza di Mary Di Blasi, che ha ballato, ma anche parlato della sua esperienza con la malattia.
Fra un cambio di scena e l’altro, spazio alle testimionianze ed agli appelli. Attesissimo l’intervento di due medaglie d’argento, conquistate in vasca col Setterosa di pallanuoto a Rio de Janeiro: Tania di Mario (dirigente dell’Orizzonte Catania, dopo una straordinaria carriera nella compagine etnea e nella nazionale) e Rosaria Aiello (del Messina). L’importanza della prevenzione è stata sottolineata dalle due atlete.

La “Scacciata per scacciare il cancro” si è svolta anche a Camporotondo Etneo nel Salone parrocchiale “Circolo San Luigi Gonzaga”, su iniziativa della Lilt, del Comune e della Parrocchia Sant’Antonio Abate.
Quanti sono intervenuti, versando un piccolo contributo, hanno potuto degustare una fetta di gustosa scacciata siciliana, donata da panificatori e bar locali, accompagnata da un buon bicchiere di vino. La serata, presentata da Anna Giarratana, ha visto l’esibizione della band “Rhythm & Sax”, autrice di un ottimo rhythm and blues.