30 maggio: Catania, si è svolta sabato la terza edizione di “Dai un calcio al Linfoma 2016”

Share Button
Il Sindaco di Catania Enzo Bianco fra i due capitani

Il Sindaco di Catania Enzo Bianco fra i due capitani

Il calcio d’inizio è del Sindaco Enzo Bianco: “Porto il ringraziamento della città ai volontari che spendono il proprio tempo libero per una causa bella”

Finisce 4 a 3 per i “Gladiatori” l’edizione 2016 di “Dai un calcio al Linfoma” – svoltasi sabato pomeriggio presso la “Città dello Sport” di Catania – la sfida calcistica che da tre anni contrappone la rappresentativa di pazienti ed ex pazienti di oncoematologia provenienti da tutta la Sicilia, ai “Sanitari” ovvero i medici di tutte le strutture ospedaliere catanesi. Ma il vero risultato, anche per questa edizione, è stato un altro: un pomeriggio spensierato trascorso insieme fra chi, nella vita reale, gioca nella stessa squadra per vincere un’altra partita, quella contro il cancro, ben più difficile di quella in cui si prende a calci un pallone.
“Dai un calcio al Linfoma” è nata casualmente tre anni fa quando i pazienti sottoposti a terapia lanciarono il guanto di sfida fra i corridoi dell’ematologia del “Garibaldi” di Nesima. Una sfida raccolta dai medici e messa in piedi dalla Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) di Catania che, edizione dopo edizione, cresce sempre di più.

L’iniziativa quest’anno è stata patrocinata dalla Regione Siciliana Assessorato della Salute e dal Comune di Catania Assessorato al Welfare, e si è svolta in collaborazione con l’ARNAS “Garibaldi” di Catania, diretta da Giorgio Santonocito, e con l’Associazione “Aetna” (Amici Ematologia Nesima) ed il supporto dell’Associazione fotografica “Rena Rossa”, che ha curato le immagini.
Sotto l’aspetto sportivo, in questa edizione 2016 i Gladiatori si sono rifatti della gara persa lo scorso anno e pareggiano, così, i conti (la prima edizione finì salomonicamente in parità). E in attesa della quarta edizione, medici e pazienti continueranno a canzonarsi bonariamente sui social.
Sabato la “Città dello sport” di Catania ha aperto le porte – offrendo gratuitamente il proprio campo principale – alle due compagini calcistiche. Cheerleader, trombette, inni nazionali: nulla è mancato all’evento, presentato con ironia da Giacomo Giurato che ha introdotto il testimonial Gino Astorina, il quale, con la verve umoristica che lo caratterizza, ha spiegato di sostenere l’iniziativa sin dalla sua nascita in quanto profondamente convinto del fatto che un sorriso è un piccolo contributo nella battaglia contro il linfoma.

Prima della gara vera e propria, gloria e applausi anche per due rappresentative di giovanissimi. Poi l’ingresso in campo dei Gladiatori, in tenuta verde, allenati dal mister dell’Akragas Pino Rigoli, e dei Sanitari, in casacca granata, allenati da Orazio Prezzavento. Arbitri federali concessi in prestito dall’AIA (Associazione Italiana Arbitri) di Catania, nelle persone di Marco Cantarella e Corrado Magliocco, e le due squadre si schierano con un calcio d’avvio d’eccezione: quello del Sindaco di Catania Enzo Bianco, intervenuto insieme al suo consulente per le politiche sanitarie, Francesco Santocono, anche lui in calzoncini per la partita e all’Assessore comunale al Welfare Angelo Villari.
«Porto il ringraziamento della città ai volontari che spendono il proprio tempo libero per una causa bella, qual è quella di stare accanto a quanti sono in una situazione di sofferenza – ha detto il primo cittadino del capoluogo –. Catania è una città che sa essere magnifica; proprio oggi sono sbarcati da una nave della Marina Militare mille persone, fra cui 132 minori non accompagnati, e Catania è stata generosa con loro. Il nostro messaggio di speranza va ai ragazzi che soffrono per malattie gravi e l’Amministrazione Comunale – ha concluso Bianco – vuol dare un sorriso e un segnale di vicinanza a medici e volontari e a quanti operano in questo campo, ma soprattutto ai bambini che combattono la malattia.»

«Come Amministrazione Comunale – ha aggiunto l’Assessore Villari – sosteniamo l’impegno della Lilt, dell’Azienda “Garibaldi” e dell’Associazione “Aetna”. Vedere scendere in campo medici e pazienti insieme, dimostra che quella contro il linfoma è una battaglia comune. Da parte nostra sosteniamo questa battaglia – ha concluso il titolare della delega al welfare – facendo in modo che il sistema sanitario sia accogliente e in grado di dare le risposte in termini di cura a chi ne bisogno.»
Poi la gara, agguerrita e per nulla avara di gol ed emozioni, con i Gladiatori che prendono il largo, ma che vedono pian piano gli avversari rimontare. Ma i tre fischi, alla fine mettono tutti d’accordo: la partita, vera, da vincere insieme ricomincia.
Biagio Asero della Lilt di Catania, commenta: «Questa iniziativa nasce per dare un incoraggiamento a chi si trova a combattere questa battaglia contro il linfoma e la leucemia, ed è un punto di partenza verso la  riabilitazione psicologica del malato oncologico che rientra nella prevenzione terziaria della Lilt, quella che mettiamo in pratica quando la malattia è manifesta e il paziente è in cura o in via di guarigione».
Infine il “capitano” dei Sanitari, il dott. Ugo Consoli: «Questa partita significa che noi medici ci siamo anche al di fuori dell’ospedale e delle terapie. Noi siamo pronti ad accompagnare i nostri amici pazienti oltre il percorso terapeutico e siamo pure disposti a farci prendere a pallonate pur di far sentir loro tutta la nostra vicinanza».