12 ottobre: Belpasso, A Scacciata per scacciare il cancro

Share Button
Da sinistra Gino Asero responsabile LILT Belpasso; l'Assessore Comunale belpassese ai Servizi Sociali, Bianca Prezzavento; la presentatrice Anna Giarratana; il Vicepresidente del Consiglio Comunale di Belpasso, Fiorella Vadalà; la Dott.ssa Milena Motta (volontaria LILT); Claudia Doria (Responsabile volontariato LILT Catania)

Da sinistra Gino Asero responsabile LILT Belpasso; l’Assessore Comunale belpassese ai Servizi Sociali, Bianca Prezzavento; la presentatrice Anna Giarratana; il Vicepresidente del Consiglio Comunale di Belpasso, Fiorella Vadalà; la Dott.ssa Milena Motta (volontaria LILT); Claudia Doria (Responsabile volontariato LILT Catania)

Serata di raccolta fondi a favore della LILT di Catania, nell’ambito della Campagna Nastro Rosa 2015 “LILT for Women”

Musica, gusto e prevenzione. È stato questo il mix della serata di raccolta fondi a sostegno della attività della LILT (Lega per la Lotta contro i Tumori) di Catania “A Scacciata per scacciare il cancro” che ha avuto luogo domenica 11 ottobre, per l’intera giornata, nel Giardino Martoglio di Belpasso, su iniziativa della locale delegazione LILT in collaborazione con il Comune di Belpasso.
L’iniziativa, che rientra nel programma della Campagna Nastro Rosa 2015 “LILT for Women”, che si svolge ogni anno a ottobre con l’obiettivo di sensibilizzare sulla prevenzione del cancro al seno​, ha visto, in mattinata, l’apertura degli stand di hobbistica e artigianato domestico; nel pomeriggio l’esibizione degli sbandieratori del “Rione Panzera” di Motta Sant’Anastasia; e, in serata, la degustazione, con un piccolo contributo, della “scacciata” preparata da pasticcieri e panificatori belpassesi, e lo spettacolo con protagonisti diversi artisti che hanno voluto lanciare, anch’essi, un messaggio a favore della prevenzione oncologica.

scacciata_lilt_02Nel Giardino Martoglio, all’imbrunire, è stato come celebrare un Natale anticipato, visto che la “scacciata”, piatto natalizio per eccellenza sia di Catania, sia di Belpasso, è stata proposta agli intervenuti nei gusti della tradizione etnea: da quello classico tuma e acciughe, alle verdure (broccoli o cavolfiore), sino alle patate. Il tutto suggellato da un bicchiere di buon vino o da una bibita.
Lo spettacolo, presentato da Anna Giarratana, ha visto l’esibizione della band belpassese dei Leakers, dei Lautari, di Rita Botto e dell’Orchestra a plettro “Città di Taormina”.
Da parte degli artisti un convinto sostegno alla campagna LILT ricordata anche dalla fontana del Giardino Martoglio, appena restaurata e illuminata di rosa, per lanciare un messaggio alle donne presenti: la prevenzione è l’arma più efficace nella battaglia contro il cancro al seno.

Intervenendo, l’Assessore belpassese ai Servizi Sociali, Bianca Prezzavento, ha detto che l’Amministrazione Comunale è al fianco della LILT e che continuerà a sostenere le diverse visite di prevenzione che si svolgono durante l’anno nel centro pedemontano.
Claudia Doria, responsabile provinciale LILT per il volontariato ha aggiunto: “Questa serata, oltre ad essere una vera e propria festa, è anche un mezzo per promuovere prevenzione e volontariato. E da qui lanciamo un appello affinché in tanti si accostino al volontariato al fianco della LILT, donando anche poco del proprio tempo libero negli ospedali catanesi per una esperienza che arricchisce chi la compie”.
Una convinta adesione alle campagne LILT da parte della cantante folk siciliana Rita Botto, che ha parlato anche della sua battaglia contro il cancro: “È una questione che mi riguarda da vicino, in quanto sono stata anche io toccata da questo male e sono sensibile alla battaglia a favore della prevenzione. Come artisti siamo chiamati a dare un nostro contributo. Ognuno lo fa come può e noi siamo qui per chiamare tutti a raccolta con la nostra voce”.
Infine il Presidente provinciale della LILT, Carlo Romano“Siamo molto soddisfatti per questa serata allestita dalla delegazione di Belpasso che ha fatto incontrare i gusti siciliani, la prevenzione e lo spettacolo. Siamo grati ai belpassesi che hanno risposto con entusiasmo a questa iniziativa, e da parte nostra non posso che confermare l’impegno per una attività continua che abbia come obiettivo la prevenzione oncologica”.